Glossario  

IdealMio Logo finale compressato .png

Business Angels: Sono gli investitori con disponibilità che portano in una startup sia capitale sia esperienze, conoscenze, contatti. I Business Angel investono risorse proprie a volte anche in gruppo al fine di differenziare le operazioni e quindi distribuire il rischio.

Business plan: Documento nel quale un progetto di impresa, o un piano di sviluppo, viene esposto in termini di linguaggio aziendale, con riferimento alle variabili strategiche, tecnologiche, commerciali ed economico-finanziarie. Esso è la base per la richiesta del capitale di rischio e quindi è, spesso, per l’imprenditore il primo strumento di contatto con l’investitore istituzionale.

Bootstrapping: termine che letteralmente significa tirarsi su per gli stivali, definisce con efficacia l'autofinanziamento di un progetto, quando ancora non si ha una Tracion e ancor meno, si hanno beni da offrire in garanzia. L'autofinanziamento avviene con i propri risparmi o con l’aiuto di FFF. 

Crowdfunding: Raccolta di fondi, per lo più tramite portali di crowdfunding, attraverso piccoli contributi di gruppi molto numerosi che condividono un medesimo interesse o un progetto comune oppure intendono sostenere un'idea innovativa. 

Due Diligence: Insieme di attività volte a conoscere tutte le informazioni inerenti una specifica impresa.

Early stage financing: Investimento in equity effettuato nelle prime fasi di vita di un’impresa (Pre Seed, Seed, Round A/B/C, Exit/IPO).

Elevator Pitch/ Pitch Deck: Si tratta della presentazione solitamente in PPT in cui la startup illustra in circa 30/45 sec l’idea imprenditoriale a potenziali investitori incontrati appunto in un Ascensore. Gli Investor Pitch danno una durata di 8-10 minuti e sono supportati da una presentazione di poche slide denominata Pitch.

Equity: Capitale dell’azienda, sottoscritto e/o versato, generalmente, attraverso la sottoscrizione di titoli o quote. L’investitore in cambio del suo apporto di capitali nella finanza di rischio, richiede una parte di Equity, variabile in base a diversi elementi tra cui valutazione prima e dopo il potenziale investimento.

Exit: Disinvestimento/ cessione totale o parziale della partecipazione detenuta dall’investitore/Team al temine di un’operazione di investimento. La exit può per esempio avvenire per operazioni di acquisizione o per IPO.

Family, Friends and Fools (FFF). Si tratta del capitale raccolto nella fase precedente la creazione stessa della startup, capitale che viene raccolto presso familiari, parenti, amici o Folli (Business Angels).

Finanza privata per startup: Investimento finalizzato all’avvio di un’attività imprenditoriale, quando non si conosce ancora la validità commerciale del prodotto/servizio, ma esiste già almeno un prototipo.

 

Finanza agevolata o a fondo perduto: si intende l’insieme degli investimenti a favore delle imprese, che agevolano lo sviluppo di progetti in termini di copertura del fabbisogno finanziario, affiancando l’impresa durante tutte le fasi necessarie per l’ottenimento delle agevolazioni, siano esse comunitarie, nazionali o regionali.

Offerta pubblica iniziale (IPO): Offerta pubblica di vendita o di sottoscrizione di azioni di un’impresa, finalizzata ad avviare il processo di quotazione societaria in Borsa.

Investitore: Può essere di diversi tipi, nelle aziende startup generalmente investono Business Angel, fondi di venture capital e investitori dal mondo industriale (Corporate venture capitals).

Mentori o Coach: Sono i professionisti esperti che dedicano del tempo a consigliare le startup sulle loro azioni strategiche. Solitamente sono società di consulenza o anche Business Angels o operatori di incubatori o acceleratori.

Minimum Viable product.(MVP): La prima versione del prodotto che serve sia per testarne le funzionalità e raccogliere i primi dati dagli utenti iniziali , sia per mostrare ai potenziali investitori o partner finanziari la capacità di realizzazione di ciò che ci si propone di sviluppare e dare cosi concretezza al progetto.

Pivot: Cambio di strategia di una startup in relazione alle modifiche di prodotto/i e Business Model per aumentarne l’efficienza della startup.

Private Equity: Indica l’attività di investimento dell’investitore nel capitale di rischio.

Round di investimento A, B, C: Sono le varie fasi di raccolta del capitale che seguono le fasi di FFF, Pre Seed e Seed. Ogni nuovo round di raccolta è contrassegnato dalla lettera in modo da evidenziare la fase finanizaria di una startup.

Software as a service (SaaS): Il modello di business per la distribuzione di un software in ambito  B2B, che prevede che una certa applicazione venga messa a disposizione del cliente Online e venduta come abbonamento.

Seed: Investimento nella primissima fase dell’idea d’impresa quando è ancora da dimostrare la domanda  reale del prodotto o servizio.

Spin off: Creazione di una società indipendente ed autonoma da una già esistente e consolidata, derivante dallo scorporo di rami d’azienda, ovvero di uno o più prodotti derivanti dall’attività di ricerca (spin-off di ricerca, o accademico).

Startup: è un’attività d’impresa innovativa, solitamente nei primi anni di avvio. La Startup basa il suo business su una componente tecnologica molto forte. Per essere appetibile agli occhi dell’investitore la startup deve essere scalabile e con la propensione ad una crescita veloce, cioè capace di crescere ed espandere la propria presenza in diversi mercati internazionali.

Term Sheet: E’ un documento preparatorio di istruttoria, firmato da startup e investitore che delinea i punti essenziali dell’accordo e limita i punti fermi di un investimento. Impiegato anche per limitare la startup dalla ricerca di altri investitori, dando un diritto di prelazione per l’acquisto di quote al BA, VC.

Traction: Si riferisce alle metriche (KPI), cioè è l’insieme degli elementi, per esempio numero utenti attivi, traffico del sito web, fatturato generato in un lasso di tempo o crescita del volume di affari, che consentono di valutare quanto il prodotto o servizio trova positivo riscontro sul mercato. Gli investitori li richiedono sia per valutare le potenzialità di un team nel riuscire ad eseguire una strategia e creare valore, sia per verificare che vi sia mercato per la soluzione offerta.

Valutazione: E’ il processo attraverso il quale il valore di una startup viene individuato e determina quindi quanto capitale la startup può riuscire a raccogliere e cedendo una percentuale di Equity. Nelle trattative la valutazione è oggetto di contrasto e viene solitamente risolta da una Due Diligence tecnica ed economico- Finanziaria.

Venture Capital. Attività di investimento in capitale di rischio realizzata da operatori professionali.